Come in tanti auspicano, la stagione estiva è ai nastri di partenza. Dopo le umide e bagnate giornate di maggio, infatti, il mese di giugno dovrà portare finalmente al tanto sospirato caldo. A partire da metà giugno, secondo quanto riportano le principali agenzie meteorologiche, dovrebbe arrivare un anticiclone africano. Vale a dire che i nostri organismi saranno soggetti ad uno sbalzo termico non indifferente, lasciando impreparati i tanti, soprattutto sotto il fattore dell’idratazione.
Come è noto, infatti, l’acqua è un elemento cruciale per la sopravvivenza del nostro Pianeta e per la salute degli esseri viventi, compreso l’uomo. A far luce sulla corretta idratazione è l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione (Assosalute), che fa parte di Federchimica. Secondo una recente ricerca portata a termine, infatti, «gli italiani tendono a consumare in media 1 litro e mezzo di acqua al giorno, in linea con le indicazioni degli esperti e, per quanto quasi una persona su due ammetta di non bere quanto si dovrebbe, ne riconoscono anche il valore fondamentale per la salute». In tal senso, secondo quanto rilevato dall’associazione, «quasi il 90% dichiara di conoscere i benefici dell’acqua per la salute e il 77% è consapevole che non berne a sufficienza può avere effetti negativi sull’organismo. Addirittura, il 50% degli italiani ritiene che una scarsa idratazione possa creare danni alla salute delle persone anche nella vita quotidiana, mentre l’85% pensa che, soprattutto, non bere adeguatamente quando si fa sport possa avere conseguenze dannose per la salute».
Dunque, in vista dell’estate, il prezioso liquido trasparente assume un ruolo importante, se non cruciale. Secondo quanto dichiarato da Paolo Vintani, farmacista e membro di Federfarma, «anche la pelle, come tutti i tessuti epiteliali di rivestimento, deve essere mantenuta idratata in quanto, oltre a svolgere una funzione di assorbimento meccanico e fisico, funge da barriera di protezione dall’ambiente esterno. Oltre ad idratarla va mantenuta pulita e integra: è bene, quindi, detergerla ma senza esagerare dal momento che una detersione eccessiva potrebbe eliminare la componente lipidica che la protegge». Ne consegue che è necessario, anche se non si avverte il senso di sete, provvedere alla corretta idratazione, integrando oltre che con giusti quantitativi di acqua, anche con legumi, frutta e verdura in porzioni abbondanti.

© Riproduzione riservata