Come è noto, la Carta Reddito di Cittadinanza è una misura economica di sostegno introdotta con il decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4 convertito nella legge 28 marzo 2019. Questa modalità prevede la sua “spendibilità” in diverse attività commerciali, ma anche per il pagamento di servizi come bollette elettriche e del gas presso gli uffici postali. Tra le attività dove è possibile usare la Carta Reddito di Cittadinanza, rientrano anche le farmacie. Nello specifico, le oltre 5.000 attività dislocate sul territorio nazionale aderenti alla convenzione della Social Card (Carta Acquisti), possono in ogni momento accettare pagamenti dai beneficiari del Reddito di cittadinanza, se vengono effettuati con il relativo supporto magnetico.
Attraverso la Carta Reddito di Cittadinanza, dunque, è possibile saldare gli importi relativi a farmaci, parafarmaci, complementi nutrizionali, ticket ed eventuali servizi erogati in farmacia. È utile ricordare, inoltre, che alla Carta Reddito di Cittadinanza non si applicano le stesse condizioni previste per la Carta Acquisti, vale a dire la misurazione gratuita della pressione arteriosa e/o del peso corporeo e la riduzione del 5% sull’importo finale, ad eccezione degli acquisti di farmaci e del pagamento di ticket.

© Riproduzione riservata