Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) l’ipertensione arteriosa rappresenta la prima causa di mortalità al mondo, pari al 14%, nonchè di disabilità mondiale, pari al 7%. Sono diversi i motivi che portano allo sviluppo di tale condizione patologica, spesso subdola ed inizialmente asintomatica. Tra questi, familiarità, predisposizione genetica, apporto di sale alimentare o grandi quantità di caffè, invecchiamento, sovrappeso e sedentarietà. In aggiunta a ciò, anche diverse patologie provocano lo stato ipertensivo. Uno studio pubblicato sulla rivista Psychosomatic Medicine, tuttavia, ha evidenziato che alle cause citate può aggiungersi un’altra condizione che favorirebbe lo sviluppo di ipertensione: l’insonnia o cattiva qualità del sonno.
La correlazione tra poco sonno e problemi di salute cardiovascolare prende sempre più piede nella letteratura, nonostante il perché di questo motivo è meno chiaro. Nello studio in questione, i ricercatori hanno osservato 300 uomini e donne, con età compresa tra i 21 e 70 anni, senza particolari problemi cardiaci. Le persone venivano monitorate anche di notte con dei dispositivi utili a monitorare l’efficienza del sonno. Ebbene, è stato evidenziato che coloro con una scarsa qualità del sonno, mostravano un aumento della pressione arteriosa sia durante la notte, sia nel giorno successivo. Per capire bene le cause di questa correlazione, però, sono necessarie ulteriori ricerche. Avere una buona qualità del sonno aiuta dunque a mantenere un migliore stato di salute.

© Riproduzione riservata