Un nuovo studio sulla ricerca cardiovascolare ha scoperto che l’apprendimento automatico, i modelli e le inferenze che i computer usano per imparare a svolgere compiti possono essere allo stesso modo utilizzate per prevedere il rischio a lungo termine di infarto e morte cardiaca. Secondo quanto emerso, infatti, l’apprendimento automatico sembra essere migliore nel predire gli infarti e le morti cardiache rispetto alla valutazione standard del rischio clinico utilizzata dai cardiologi. I ricercatori hanno studiato alcuni soggetti sottoposti a punteggio del calcio dell’arteria coronarica con scansioni di tac cardiache disponibili e follow-up a lungo termine. I partecipanti qui erano soggetti asintomatici di mezza età, con fattori di rischio cardiovascolare, ma nessuna malattia coronarica nota.
Lo studio finale consisteva in 1.912 soggetti, quindici anni dopo il loro primo studio. Ebbene, 76 soggetti hanno presentato un evento di infarto del miocardio e / o morte cardiaca durante questo periodo di follow-up. I punteggi previsti per l’apprendimento automatico dei soggetti si allineavano accuratamente alla distribuzione effettiva degli eventi osservati. Il punteggio del rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica, la valutazione standard del rischio clinico utilizzata dai cardiologi, ha sovrastimato il rischio di eventi nelle categorie a rischio più elevato. L’apprendimento automatico no. Nell’analisi non corretta, un elevato rischio di apprendimento automatico previsto era significativamente associato a un rischio più elevato di evento cardiaco.

© Riproduzione riservata